Pagina:Mantegazza - L'anno 3000, 1897.djvu/82

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
74 l’anno 3000

più in là ad ogni nuova generazione di uomini; ad ogni nostra scoperta, ad ogni nostra invenzione. Ma andiamo a visitare l’ufficio di distribuzione delle forze, che è come la nostra posta. —

E ufficio postale era davvero, perchè un’infinità di fili vi convergevano.

Era una gran sala ottagona, dove sedevano in altrettanti posti gli impiegati, che ricevevano i dispacci e trasmettevano le forze richieste dai diversi punti del globo. Come avviene nei nostri nervi, gli stessi fili che portavano dovunque la luce, il calore e l’elettricità servivano ai corrispondenti per esprimere i loro bisogni.

L’ingegnere s’avvicinò ad uno degli uffici trasmissori e disse:

— Venite qua a vedere. Ecco un dispaccio che giunge da Pechino:

Domani gran festa in onore di Confucio. Abbisogniamo per tutta la notte luce intensa azzurra, che si alterni con luce rossa.

— E noi manderemo domani ciò che si domanda dalla China.