Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/176

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Mario

ironicamente:

E gli amanti come noi! (Giovanni si è chinato di nuovo sulla fumarola col rampone) Eppure vi è forse un misterioso legame tra la scienza del Vulcano e il vostro affetto per Lucia.

Giovanni

voltandosi trasognato:

Che c’entra il mio affetto per Lucia?

Mario

Vi sono indubbiamente leggi che governano le simpatie delle anime e dei corpi, le loro fusioni ardenti e la continuità dei loro sentimenti, leggi simili alle leggi dei vulcani e forse influenzate da loro.

Giovanni

Voglio bene a Lucia e Lucia mi vuol bene semplicemente perché amiamo le stesse idee e le stesse ricerche scientifiche. Voi siete legato a Eugenia da una stessa estetica di turisti giovani milionari ed intelligenti.

Mario

Questa logica non ha nulla a che fare con la disperata passione che io nutro per Eugenia e che mi spinge a desiderare per noi lo sprofondarsi del sentiero alle nostre spalle e la morte nel fuoco. Caro Giovanni, credetemi, al di là di quest’ora (prendendo appassionatamente fra le braccia Eugenia e squassandola come per rianimare un corpo morto e baciandola con furia)... al di là di quest’ora, al di là di questo bacio non vi può essere che la morte e la liquefazione dei nostri corpi nella lava.


175