Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/252

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Giacalone

fissando col cannocchiale la barca dei cantori:

Sono maschere in barca!... Di tutti i colori!... Gesticolano! Lanciano in mare bottiglie vuote. La barca sembra un immenso fascio di fiori galleggiante... A circa cento metri più a destra un veliero camuffato da bosco di banani del Madagascar, tutto coperto di liane e piante parassite che coprono le acque d’un lungo strascico verde...

Maccaluso

entrando dal cancelletto, presenta al comandante un radiogramma:

Signor comandante...

Palumbo

preoccupato:

Questo è il dodicesimo radiogramma. (Legge) La Compagnia mi avverte che una dimostrazione imponente si prepara sul molo coll’intenzione di rapire Sua Altezza Simonetta. (Un lungo silenzio; poi con decisione irosa) La nasconderò nella stiva! La popolazione di Rio dovrà convincersi che non è a bordo.

Giacalone

Difficile!... Ecco il motoscafo della polizia.

Palumbo

sporgendosi al parapetto del ponte di comando parla al motoscafo della polizia:

Buon giorno. Attracco, ma per il momento non abbasso le scale.


251