Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/260

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Quinta sintesi

IL PONTE DI COMANDO VETRATO

Alba di luna piena velata di nebbia sull’oceano calmo. Sul ponte di comando vetrato buio si vede il bagliore bluastro delle vetrate e si scorge confusamente al centro il timoniere ritto sulla pedana del timone, con la pancia e la ruota arrossate della lanterna fissata sul piedistallo della bussola.

Palumbo

ritto in piedi a Dorville che seduto si regge la fronte fra le mani:

A nome della famiglia del povero Gilberti io vi ringrazio di ciò che avete fatto. Noi siamo poveri e la Compagnia è inesorabile. La vostra generosità darà ad una madre sventurata la consolazione di baciare il corpo di suo figlio.

Dorville

seduto, la fronte fra le mani:

Eravamo diventati due vecchi amici. In poche ore! (Silenzio) Coll’aiuto del bravo dottore ho ricomposto il suo cada-