Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/267

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Palumbo

Certamente la famiglia è sempre la famiglia.

Dorville

La famiglia è dunque la vostra linea oscillante. O meglio la famiglia è la linea retta di un sentimento dopo la linea retta di un dovere. E allora, perché mai non ammettere la linea retta di un’offerta a Dio?

Palumbo

Perché sono chiuso nella mia obbedienza alla Compagnia e al Governo.

Dorville

E’ una clausura paragonabile a quella invocata da Sua Altezza Simonetta!

Palumbo

No. La clausura invocata da Sua Altezza tradisce la vita!

Dorville

La vostra legge di volontà e di dovere non vi ha mai tradito?

Palumbo

Accidenti alla nebbia! E’ g’à il secondo faro che non riesco a vedere... Volevo non rallentare, ma non si può fare a meno. Canepa, date l’ordine di rallentare.

Canepa trasmette l’ordine col telegrafo luminoso di macchina. Il fischio della sirena si prolunga quasi ininterrottamente. Bruscamente un urto formidabile sembra schiantare il ponte.

Aah! Siamo rovinati!

266