Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/397

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Simultanina

Debbo terminare il mio quadro.

Lo sportivo

Non comprendo i piaceri sedentari: dipingere scrivere giocare a scacchi pizzi calze corte... Tutti senilismi! Sarei lieto di convertirla allo Sport, questa grande religione universale dei muscoli! E’ il nostro misticismo... disinteressato, poiché i tre quarti dei suoi devoti guarda l’altro quarto che agisce. Lo Sport vince la politica, l’arte, la tavola, l’Amore! Lo Sport è la difesa-offesa che l’Umanità oppone alla sua morte incalzante!

Simultanina

Lei è anche oratore propagandista. Io amo il pallone, ma soffro d’essere il giocatore invece d’essere il pallone giocato. Pensi che gioia deve sentire il pallone.

Lo sportivo

Vuole provare a servirmi da pallone?

Di slancio abbraccia Simultanina, che, pronta, gli sferra un overcut formidabile. Lo Sportivo risponde. Partita di boxe regolare.

Simultanina

Buon peso. Occhio preciso. Ricominciamo

Lo Sportivo sferra un overcut a Simultanina

Una voce

dall’interno:

Olà! Mascalzone! Non si picchiano le donne.

396