Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/533

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Vif- Glin


Esageri... (Lungo silenzio) Come sei bella! Piú bella del tuo abito che non mi piace. Sembri un piccione viaggiatore sotto un arredamento sacro. Altaluce, snodati, liberati, vola.

Altaluce


Si, mi porti con te? (Prendendole le mani)

Vif- Glin


Sí.

Altaluce


Cosa hai in mano?

Vif- Glin


La chiave del mio motore aereo.

Altaluce


Porti in volo anche la racchetta?

Vif- Glin


Mi serve a rilanciare lontano gli uomini.

Altaluce


Non ami gli uomini?

Vif- Glin


Molto. Ma non accetto il loro dominio.

Slancio


Credi che tutti gli uomini vogliono dominarti?


532