Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/548

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Furr

Domando l’immediata liberazione di Vasto e dei suoi compagni Spaziali perchè ci aiutino, da esperti architetti, nella rapida ricostruzione della città.

Mollazzon

Sia pure. Vi accordo ciò che domandate, ma a dire il vero sono torturato da un piccolo, grave, anzi gravissimo problema che riguarda le nostre membra alquanto stanche. Mentre lavorerete, dove ci coricheremo?

Vif- Glin

avanzando con passo di danza, arguta, ironica e spensierata insieme:

Vi offrirò, Mollazzon e Mollenti, una danza del mio paese.

Mollazzon

Quale paese, bella dama?

Vif- Glin

Quello che non esiste, onnipresente, sempre lontano, lentoveloce, ricordatosperato.

Ariella

Manca il palcoscenico.

Vif- Glin

Presto improvvisato con questi due tronconi di ponte e quel merletto granitico di palazzo Ducale. Con quel pezzo di tubo di fogna e qualche torcia accesa, Furr, fammi subito


547