Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/596

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Ottava sintesi

IL PIÙ’ RICCO MOLLENTE

curvo sotto un intricato e pesante groviglio di apparecchi telefonici, radio tascabili, fili metallici, lampadine elettriche accese, lampadine elettriche spente, tubi neon ecc. biascica:

Temo che i Mollenti si siano sbagliati nella loro lotta contro il denaro. Occorreva moderare, non uccidere la finanza del mondo... Ieri, intanto, l’ultima banca ha chiuso definitivamente i suoi sportelli. All’orizzonte fumano piramidi carbonizzate di cambiali assegni e biglietti da mille... Ma la mia antica prudenza non mi abbandona. Da un anno faccio incetta di apparecchi telefonici e di lampadine. Alcune, benché strappate via, persistono nella loro abitudine di illuminare. Ho nascosto in una valle ignorata e deserta a 100 miglia dalla Città Trapassata circa ottocentomila apparecchi d’ogni genere, mi domanderete: a quale scopo? Vi spiego


595