Pagina:Mastro-don Gesualdo (1890).djvu/393

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 385 —

nulla? E il negozio del gesso che avevate in comune? E quando avete preso insieme l’appalto del ponte? Nulla è rimasto alla buon’anima? I guadagni sono stati di voi solo? per comprare delle belle tenute? quelle che volete appropriarvi perchè avete dei figliuoli?... C’è un Dio lassù, sentite!... Ciò che volete togliere di bocca a questi innocenti, c’è già chi se lo mangia alla vostra barba! Andate a vedere, la sera, sotto le vostre finestre, che passeggio!...

Finì in parapiglia. Il barone dovette mettersi a gridare e a fare il diavolo perchè non si accapigliassero seduta stante, invece di rappacificarsi. Speranza se ne andò da una parte ancora sbraitando, e don Gesualdo dall’altra, colla bocca amara, tormentato anche da quell’altra pulce che la sorella gli aveva messo nell’orecchio. Adesso, in mezzo a tanti guai e grattacapi, gli toccava pure dover sorvegliare la figliuola e quell’assassino di Corrado La Gurna che la Cirmena per dispetto gli metteva fra i piedi, lì in paese, a spese sue. Doveva tenere gli occhi aperti su ciascuno che andava e veniva, sulle serve, sui fogli di carta che mancavano, sulla figliuola la quale aveva l’aria di chi ne cova una grossa, pallida allampanata... Ci si struggeva l’anima, la disgraziata! E lui doveva rodersi il fegato e mandar giù la bile, per non far di peggio. Una sera finalmente la sorprese alla finestra, con un tempo da lupi.