Pagina:Matilde Serao Il ventre di Napoli.djvu/106

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 98 —


vano molli e almeno avevano un certo sapore di maccheroni.



Una giovane cucitrice era stata a Gesù e Maria, l’ospedale, con una polmonite; poi si era guarita e pallida, esaurita, sfinita, era venuta via. Pure l’ospedale, per assisterla ancora in vista di una tisi probabile, le concedeva; ogni mattina, quattro dita di olio di fegato di merluzzo, che ella doveva andare a prendere lassù. Ella capitava ogni mattina, col suo bicchiere, sino a che fu rimessa completamente in salute: e allora le dissero che non le avrebbero più data la medicina. Ella si confuse, impallidì, pianse, pregò la monaca che per carità non gli sospendesse quell’olio — e infine fu saputo che di quell’olio ella si privava per darlo in elemosina a una povera donna — la