Pagina:Memorie storiche del Santuario di Castelleone.djvu/33

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

25

§. VIII.

Visita fatta al Sepolcro di Domenica nel 1810.


Dopo che i P. P. Agostiniani nel 1617 rimasero possessori del Santuario, come se ne dice al §. V. del Capitolo quarto, collocarono nel Presbiterio due lunghi sedili con alto postergato, e l’uno di quelli venne così a coprire tanto il luogo nel quale precisamente era sepolta Domenica, quanto per intiero la Iscrizione originale, ch’era dipinta sul muro. Nel 1673, essendo stato levato dal muro della Cappella maggiore l’Altare di Maria Vergine, e portato nel mezzo, come si vedrà altrove; venne questo Altare fiancheggiato da due portine, che dividono anche al presente la Cappella stessa, in parte ridotta a Coro, e in parte conservata a Presbiterio. Non rimanendo quindi per tale innovazione vestigio alcuno del Deposito della pia Domenica; arbitrariamente i detti Religiosi fecero in Coro, e a lato del vero Deposito,