Pagina:Memorie storiche della città e del territorio di Trento.djvu/127

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

e del territorio di trento. 109

mus, incomparabili Religionis studio ac prudentia vir.»

L’anno 1538 egli pubblicò le costituzioni sinodali della sua Diocesi, aggiungendovi quelle de’ Vescovi suoi antecessori riformate ed adattate alla condizione de’ tempi, compendiate e raccolte in un solo volume.

Egli intervenne personalmente a quasi tutte le diete de’ Principi dell’Impero, che allora erano frequenti ora in una ora in altra città della Germania, sia per porre argine alle nascenti eresie di Lutero, sia per opporsi alle vittoriose armi de’ Turchi nell’Ungheria, accompagnando in tutte il Re de’ Romani Ferdinando, di cui godeva la stima nel più alto grado.

Bernardo aggiunse al vecchio Castello del Buon-Consiglio un grandioso palazzo chiamato il Palazzo Clesiano, che con ragione potea riguardarsi come una delle più insigni e superbe fabbriche d’Italia, adornato pure di rari dipinti, ed arricchito eziandio d’una preziosa suppellettile, e di ricchissimi arredi ed addobbamenti d’ogni maniera. La fabbrica di questo Palazzo scrisse il ch. Apostolo Zeno (Tom. I. Dissert. Vossian. pag. 398 col. 2) essere stata opera del celebre Andrea Palladio. Egli aggiunse pure al vecchio Castello del Buon-Consiglio molte nuove fortificazioni e nuovi bastioni. Egli fece ergere fino da’ fondamenti e fabbricare tutta di pietre la Chiesa parrocchiale di Civezzano poco lungi da Tren-