Pagina:Memorie storiche della città e del territorio di Trento - parte prima.djvu/12

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


L’origine o la fondazione della città di Trento viene da Plinio, ove parla dell’origine di varie città italiche, attribuita a’ Reti. Egli attribuisce l’origine di Mantova a’ Toschi, di Brescia a’ Galli Cenomani, di Trento a’ Reti, di Verona agli Euganei, ed a’ Reti 1. E la testimonianza di Plinio è conforme all’autorità di Catone il Censore, il quale nato dugento e vent’anni avanti l’era cristiana in uno dei suoi libri Delle Origini più volte lodate da Cicerone aveva ricercato, d’onde ogni città d’Italia avesse avuto principio. Nè deesi punto attendere chi l’origine di Trento attribuisce a’ Galli sull’autorità di Giustino, il quale scrisse, da’ Galli essere state edificate Milano, Como, Brescia, Bergamo, Verona, Trento, e Vicenza; poichè il chiarissimo Marchese Maffei scoprì e dimostrò maestrevolmente l’errore, ch’è nel passo di Giustino, e pose questo punto di storia nella più aperta luce 2.


  1. Plin. l. 3. c. 19.
  2. Maffei Verona illustrata lib. I.