Pagina:Memorie storiche della città e del territorio di Trento - parte prima.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

della naunia. 79

riunitesi in grandi armate invasero gli altrui paesi, e li conquistarono senz’altro titolo che quello, che dà il diritto del più forte. Per tacere di tant’altre i Galli occuparono una considerabil parte d’Italia, e ne scacciarono gli Etrusci. I Goti, i Franchi, Longobardi ne’ secoli posteriori invasero l’Italia, e le Gallie, e vi stabilirono il loro impero.

Dice il nostro storico Maffei, che i Nauni dopo la conquista fattane da’ Romani furono aggregati al più vicino municipio romano, ch’era quello di Trento, e considerati in seguito tra i popoli trentini; ma non adduce prova alcuna di ciò che dice, e la supposta aggregazione della Naunia al municipio di Trento non è che una vana sua immaginazione. Trento non era un municipio, ma era una colonia, e la Naunia non era in quei tempi considerata tra i popoli trentini, ma formava un municipio particolare, diverso, e distinto dalla colonia di Trento. Dall’essere la colonia trentina ascritta alla Tribù Papiria in Roma, e dall’esservi pure ascritta la Naunia non segue punto, che la Naunia fosse aggregata al municipio o alla colonia di Trento; poichè essendo tutto l’immenso numero dei cittadini romani diviso in trenta Tribù, molte colonie e molti municipj erano ascritti alla medesima Tribù, tuttochè fossero affatto separati e diversi, e gli uni indipendenti dagli altri. Egli è vero, che Plinio1, e Stra-

  1. Lib. III. cap. 20.