Pagina:Memorie storiche della città e marchesato di Ceva.djvu/209

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

209

La civica amministrazione concorse in parte alla costruzione di questa chiesa, interviene in corpo alla processione che vi si fa ogni anno addì 8 settembre, e si è obbligata sino dall’epoca della sua fondazione a somministrare annualmente n. 14 candele da 3 oncie caduna, per la novena della Natività di Maria SS.

La sacrestia della Collegiata in forza di testamento 5 dicembre 1795 della fu Elisabetta Squarra è pure tenuta a pagar annualmente per questa novena le somma di ll. sedici cent. cinquanta.

Il signor D. Lorenzo Manfredi cappellano di questa Chiesa costituì un censo di lire mille duecentocinquanta con istromento 6 luglio 1801 da convertirsene il provento in celebrazione di Messe. Sono proprii di questa chiesa due altri censi, l’uno di lire mille e venti, l’altro di lire 4001.

L’anno 1843 per cura del cappellano D. Uberti Giuseppe si fece ampliare questa chiesa con una rotonda che comprende l’altar maggiore e forma una specie di coro, e fece dipingere tutto l’interno della chiesa e la stessa facciata e portico dal Cevese Pietro Bergallo pittore ornatista non disprezzevole.

Grande è la divozione che si professa dai cittadini a questo piccolo ma vago santuario. I confratelli di S. Maria praticano in ogni anno di farvi nei dì festivi nove processioni, e vi si fa dal capitolo e dal popolo la seconda processione delle rogazioni.

Al ritorno di casa Savoia nei suoi Stati di terraferma si fece a questo tempio una solenne generale processione per ringraziare l’Altissimo e la gran Vergine della Consolazione pei riacquistati antichi monarchi, e si fece apporre sul frontone della chiesa la seguente iscrizione dettata dall’ex-Agostiniano padre Franco professore di rettorica.

  1. Molti furono i legati fatti in danari ed in stabili a questa chiesa sino dai primi tempi di sua erezione che coll’andar degli anni si sono perduti.