Pagina:Memorie storiche su la vita gli studj e le opere di Lionardo da Vinci.djvu/120

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DI LIONARDO DA VINCI. 109

riconquista del Milanese, la quale pur gli riuscì in conseguenza della vittoria riportata alla battaglia di Meregnano. A questo tempo riferir deggiamo la figura del lione formato in Pavia da Lionardo con mirabile artifizio per cui da sua posta videsi camminare in una sala, e fermarsi dinanzi al re, aprendogli il petto tutto ripieno di gigli, come narra il Lomazzo1: e ove ciò sia, dobbiamo pur argomentare che il Vinci, appena udita la riconquista della Lombardia fatta da'Francesi, sia quì tornato, e ben accolto sia stato da Francesco I, che del suo merito esser dovea già ben prevenuto: per la qual cosa seco a Bologna il condusse, quando il pontefice per dare la pace all'Italia e alla Chiesa, propose un colloquio col re in quella città, ove agli otto di dicembre si firmò il celebre concordato fra la Francia e Roma. Che Lionardo colà sia andato argomentasi dal vedere fra i suoi disegni il ritratto del sig. Artus, sotto cui sta scritto (non però di mano di Lionardo) »Ritratto di M. Artus maestro di camera del Re Francesco I nella Giunta con Papa Leon X2.

Considerandosi quindi interamente addetto alla corte francese, Lionardo non solo seguì il re nel suo ritorno a Milano;

  1. Tratt. dell'Arte della Pittura. Lib. II. cap. 1.
  2. Vedi la Tav. XII della Collez. del Gerli.