Pagina:Memorie storiche su la vita gli studj e le opere di Lionardo da Vinci.djvu/57

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
46 MEMORIE STORICHE

Vero è che il Parodi1 nel catalogo de' Professori Pavesi colloca Marc'Antonio Della Torre all'anno 1511; ma è ben più probabile ch'egli sia stato colà chiamato molto prima: non essendo in quell'epoca stato in Lombardia Lionardo, se non per brevissimo tempo, come vedremo. V'ha chi pretende, perchè Vasari dice che quell'opera servir doveva ad illustrar la dottrina di Galeno, essere stato bensì scritto dal Vinci il libro, ma sotto la dettatura del professore; ma perchè mai, copiando le cose altrui, scritto avrebbe Lionardo colla manca? Trovasi ora il codice, o almeno parte di esso, co'disegni nella biblioteca regia a Londra; e 'l cel. Hunter2 che 'l vide, ammirò la somma diligenza e la squisita esattezza del Vinci, specialmente nel disegnare le parti anche più minute de'muscoli.

Forse un resto degli studj anatomici, che allor fece Lionardo sono alcuni disegni che da'nostri codici, e dalla raccolta del fu consigl. de Pagave copiò il Gerli3, de'quali pur alcuno ne riproduciamo (Tav. II. Fig. 1. 2.) insieme ad un disegno, in cui egli indicò le proporzioni delle varie parti

  1. Elenchus Privilegior. Ticin. studii. Pag. 154.
  2. Due lezioni prelimin. del D. Guglielmo Hunter premesse al suo Corso di Lezioni anatomiche. Londra 1784.
  3. Nelle tavole xxx. xxxi. xxxii. xxxiii. xxxiv. i.* ii.* viii.* x.* xi.*