Pagina:Memorie storiche su la vita gli studj e le opere di Lionardo da Vinci.djvu/81

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
70 MEMORIE STORICHE

XVI. Il luttuoso avvenimento della morte di Beatrice d'Este consorte a Lodovico carissima, per cui, al riferire del Corio, furono fatte stupendissime esequie avrà dato pur esso occasione al Vinci d'esercitare l'ingegno, e la mano nell'anno 1497; nel quale, come rilevo da una sua nota aveva a scolare e familiare il Salai1, trovandosi nel codice segnato Q. R. al fol. 94 il conto d'una cappa fattagli, che metto a piè di pagina, perchè ci dà un'idea de'fregi, de'prezzi delle stofe, e della man d'opera di que'dì2.

Ma ciò che piucchè altro dovè in quest'anno occuparlo, fu la navigazione dell'Adda fra Brivio e Trezzo. Difficilissima impresa ella era pel precipitare delle acque, e per gli scogli che ne ingombravano l'alveo, e per la qualità del fondo in cui convenìa scavar nuovo canale, e formare opportuni sostegni. Pensò Lionardo a supe-

  1. È questi Andrea Salaino; ma Lionardo non iscrive mai il suo nome altramente che Salai, o Salay.
  2. La Cappa di Salai addi 4 Aprile 1497.
    Br. 4 di panno argentino ll. 15 4
    Velluto verde per ornare ll. 9
    'Bindelli ll. 9
    Magliette ll. 12
    Manifattura ll. 1 5
    Bindello per dinanzi ll. 5
    Punta ll. 1
    ––––––––
    Ecci del suo grossoni 13.