Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/203

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto secondo 197


Fulvio. (Salvo un eroe cosi.)
Emilia. (Cosi l’inganno.)
Per te spero e per te solo
mi lusingo, mi consolo:
la tua fé, l’amore io vedo.
(Ma non credo a un traditor.)
D’appagar lo sdegno mio
il desio ti leggo in viso.
(Ma ravviso infido il cor.) (parte)

SCENA VIII

Fulvio.

Oh dèi, tutta se stessa
a me confida Emilia, ed io l’inganno!
Ah! perdona, mio bene,
questa frode innocente: al tuo nemico
io troppo deggio. È in te virtú lo sdegno:
sarebbe colpa in me. Per mia sventura,
se appago il tuo desio,
l’amicizia tradisco e l’onor mio.
               Nascesti alle pene,
          mio povero core:
          amar ti conviene
          chi, tutta rigore,
          per farti contento
          ti vuole infedel.
               Di’ pur che la sorte
          è troppo severa.
          Ma soffri, ma spera,
          ma fino alla morte
          in ogni tormento
          ti serba fedel. (parte)