Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/299

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto terzo 293


Onoria. Signor, nel mio consiglio io ti propongo
un esempio a seguir. Sappi che amante
io sono al par di te, né perdo meno:
Fulvia è la fiamma tua; per Ezio io peno.
Valentiniano.  E l’ami?
Onoria.  Sì. Nel consigliarti or vedi
se facile son io, come tu credi.
Valentiniano.  Ma troppo ad eseguir duro consiglio
mi proponi, o germana.
Onoria.  Il tuo coraggio,
la tua virtú faccia arrossir la sorte.
Una donna t’insegna ad esser forte.
Valentiniano.  Oh Dio!
Onoria.  Vinci te stesso. I tuoi vassalli
apprendano qual sia
d’Augusto il cor...
Valentiniano.  Non piú: Fulvia m’invia:
facciasi questo ancor. Se tu sapessi
che sforzo è il mio, quanto il cimento è duro...
Onoria. Dalla mia pena il tuo dolor misuro;
ma soffrilo. Nel duolo
pur è qualche piacer non esser solo.
               Peni tu per un’ingrata,
          un ingrato adoro anch’io;
          è il tuo fato eguale al mio;
          è nemico ad ambi Amor.
               Ma, s’io nacqui sventurata,
          se per te non v’è speranza,
          sia compagna la costanza,
          come è simile il dolor. (parte)