Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/69

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

intermezzi 63

INTERMEZZI


INTERMEZZO PRIMO

Dorina, poi Nibbio.

Dorina. Via sbrigatevi in fretta,
portate la spinetta e da sedere.
(escono due donne, che portano la spinetta con sopra diverse
carte di musica, e due sedie)
Che pazienza ci vuole
con queste cameriere!
Sanno pur che a momenti
aspetto un impresario,
e lasciano ogni cosa in confusione
State attente al balcone
per farmi l’ambasciata,
ché intanto io rivedrò qualche cantata. (partono le donne)
Questa è troppo difficile:
questa è d’autore antico,
senza tremuli, trilli e appoggiature,
troppo contraria alla moderna scuola,
che adorna di passaggi ogni parola.
Questa è al caso... Chi vien? Fatelo entrare, (vedendo
venire una delle due donne, che poi se n’entra)
Sará ben ch’io lo vada ad incontrare.
Nibbio. Mia signora Dorina, al suo gran merito
profondissimamente io mi rassegno.
Dorina. Son sua serva umilissima,
e a maggior complimento io non m’impegno.