Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/287

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ATTO SECONDO 281
contenta i tuoi vassalli,
servi alla tua virtù, porta sul trono
la taccia d’infedele. Io tra le selve
porterò la memoria
viva nel cor della mia fé tradita,
se pure il mio dolor mi lascia in vita.
(in atto di partire)
Cleonice. Deh! non partire ancor.
Alceste. Del tuo decoro
troppo son io geloso. Un vii pastore
con piu lunga dimora avvilirebbe
il tuo grado reai.
Cleonice. Tu mi deridi,
ingrato Alceste!
Alceste. Io sono
veramente l’ingrato! io t’abbandono!
10 sacrifico al fasto
la fede, i giuramenti,
le promesse, I’amor! Barbara! infida!
inumana! spergiura!
Cleonice. lo dal tuo labbro
tutto voglio soffrir. S’altro ti resta,
sfogati pur. Ma, quando
sazio sei d’insultarmi, almen per poco
lascia ch’io parli.
Alceste. In tua difesa, ingrata!
che dir potrai? D’infedeltà si nera
la colpa ricoprir forse tu credi?
Cleonice. Non condannarmi ancor. M’ascolta e siedi.
Alceste. (Oh dèi, quanto si fida
nel suo poter!) (torna a sedere)
Cleonice. Se ti ricordi, Alceste,
che per due lustri interi
fosti de’ miei pensieri
11 più dolce pensier, creder potrai
quanto barbara sia