Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/71

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


VARIANTI 65
Scitalce. (Questo di più! L’ingrata
vegga ch’io non la curo.) Ah! se tu vuoi,
Scitalce. Oh Dio!
Temo lo sdegno tuo.
Semiramide. Del mio perdono
non dubitar: spiégati pur.
Scitalce. Vorrei
pietosa a’ miei martiri,
mercé del tuo favor, render Tamiri.
Semiramide. (Oh smania! Oh gelosia!)
Scitalce. Ella è la fiamma mia,
adoro il suo sembiante...
Semiramide. Non più. (Fingiam.) Ti compatisco amante.
Parlerò con Tamiri, e la tua brama,
più che non credi, a favorir m’appresto.
Scitalce. Ecco appunto Tamiri: il tempo è questo.
Semiramide. (Importuno ritorno!) Odimi: intanto
eh’ io le parlo di te, colà dimora.
SCITALCE. Vado. (Si turba.) (si ritira in un lato della scena)
Semiramide. (Ed io resisto ancora?)
SCENA XI [X]
Tamiri e detti.
Tamiri. Perdonami, s’io torno
impaziente a te. Quali predici
Semiramide. Per ora
più non cercar. Ti basti (piano a Tamiri)
Scitalce. (E pure impallidisce.) (toma al suo luogo)
Tamiri. A lui si chieda
perché si fa rivale
d’Ircano e di Mirteo.
Semiramide, (piano a Tamiri) Fermati, e seco
non ragionar, se la tua pace brami.
Mf.tastasio, Opere - n. 5