Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. IV, 1914 – BEIC 1885923.djvu/85

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto primo 79


Egle. Misero prence! E alla novella amara

che detto avrá?
Zenobia.  L’ignora ancor: mi strinse
segreto laccio a Radamisto. Ei torna
agl’imenei promessi.
Egle.  Oh numi! e trova
sollevata l’Armenia,
vedovo il trono, ucciso il re, scomposti
tutti i disegni sui;
e Zenobia...
Zenobia.  E Zenobia in braccio altrui.
Egle. Che barbaro destin!
Zenobia.  Or di’: poss’io
espormi a rimirar l’acerbo affanno
d’un prence sí fedel? che tanto amai?
che tanto meritò? che forse al solo
udir che d’altri io sono... Addio.
Egle.  Mi lasci?
Zenobia. Sí, cara; io fuggo: è periglioso il loco,
le memorie, i pensieri.
Egle.  A chi fa oltraggio
l’innocente pietá...
Zenobia.  Temer conviene
l’insidie ancor d’una pietá fallace.
Addio; prendi un amplesso e resta in pace.
          Resta in pace, e gli astri amici,
     bella ninfa, a’ giorni tuoi
     mai non splendano infelici,
     come splendono per me.
          Grata ai numi esser tu puoi,
     che nascesti in umil cuna.
     Oh, di stato e di fortuna
     potess’io cangiar con te! (parte)