Pagina:Milani - Risposta a Cattaneo, 1841.djvu/105

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



95

9 5

3 Di questi due titoli, in cui si dividono tutte le spese annue di azienda,

quelle del primo titolo si dovranno dunque ripartire tra le diverse fonti di utilità in ragione del péso trasportato in un anno per ciascuna fonte di utilità;

e quelle del secondo, le fisse, si ripartiscono, per seguire una norma di equità, tra le diverse fonti di utilità in ragione dell’ introito relativo a ciascuna fonte.

E siccome poi per trasportare gli oggetti di ciascuna fonte di utilità occorrono carri, carrozze, macchine locomotive, tendersi cioè occorre trasportare, oltre i pesi fruttanti, anche i pesi che fruttan 4 nulla, e questi pesi che nulla fruttano non sono, nelle diverse fonti di utilità, proporzionali ai pesi utili; cosi la divisione delle spese del primo titolo, tra i pesi delle diverse fonti di utilità, dovrà seguire il rapporto dei pesi lordi e non quello dei pesi netti.

312. ° La tariffa da me stabilita nel progetto economico (paragrafo 209 ), è in misura media di lire i5 per ciascun viaggiatore — di lire 4 1 * 60 per ciascuna tonnellata di merci — di due lire per ciascuna bestia — e di centesimi 1 5 per ogni cento lire austriache di danaro.

Con questa tariffa Yinttoito annuo presuntivo dei viaggiatori risulta di lire 4^79,5oo

L 1 introito annuo presuntivo delle merci di » 6,764,548

E quindi V introito presuntivo totale annuo di lire ii,644?°4**

Qui dunque, in questo conto della rendita netta presuntiva della strada^ fondato soltanto sui movimenti attuali, si ritrova che nelP introito totale, Pintroito dei viaggiatori sta all’introito delle merci come % a

E questa è quella proporzione che il dottore Cattaneo, senza sapere quello che si dica, va gridando una proporzione strana^ una proporzione strana affatto.

Essa è tanto poco strana, essa è invece tanto naturale e tanto cbmune, che si è presentata da sè nel conto della rendita netta presuntiva fondato sui movimenti attuali della strada di feiTO da Manchester a Liverpool, ed in quello delle strade di ferro del Belgio; e, quel che è più, la si è presentata anche sotto di un aspetto peggiore del mio. E se il dottore Cattaneo va esclamando, a perdita di fiato, e stampaudo, a sudare di torchi, proporzione strana s strana proporzione, perchè trova nel mio progetto economico, fondato sui movimenti attuali, che 1’ introito delle merci è % de\V introito totale, mentre quello dei viaggiatori è soltanto di %, chi sa cosa avrebbe esclamato, quanto avrebbe stampato, se egli, tanto pratico dell’Inghilterra e del Belgio, egli tanto studioso delle strade inglesi e belgiche, avesse prima d’ ora saputo:

che nel conto della rendita netta presuntiva fondato sui movimenti attuali della strada da Manchester a Liverpool l’ introito delle merci si calcolò quasi pel totale dell’ introito complessivo, e per nulla, o per pochissimo, l’introito dei viaggiatori (1);

e che in quello delle strade del Belgio l’ introito delle merci si valutò per % dell’ wtroito totale;

e V introito dei viaggiatoti soltanto per 4 /* dell’introito totale (2)?

3 1 3. ° Ma quando si passa dslV introito al prodotto netto è un altro paio di maniche; fino ad ora, e generalmente, l’affare cambia affatto di aspetto, e la proporzione tra le due fonti

(1) Annales dea ponts ed chaussées. Tome premier. Chemin de fer de Liverpool a Manchester: Notice Historìque, par M. Henry Booth, trésorier de la compagnie.

De la legislation des railroutes ou chemins de fer en Àngleterre et en France, par Guillaume, pag.:\.

(a) DescriptioD de la route en fer a établir d’ Anvers à Cologne. — Memoire a P appui du proiet par Simon* et de Ridder, ingénieurs des ponts et chaussées. — Bruxelles, i838, pag. 83. Google