Pagina:Milani - Risposta a Cattaneo, 1841.djvu/186

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


xliv

crno ad ogni parte dell’opera che ad uno degli estremi, ed economia di tempo e di spesa per la ragióne opposta a quella con cui provossi che uno degli estremi ne dà scialacquo.

Lo scapito è un ritardo nelle comunicazioni delle Commissioni amministratrici con l’ingegnere in capo, ma anche qui può dirsi che la cosa si compensa, perchè, essendo due le Commissioni, ed una a ciascun estremo, si guadagna da un late ciò che si perde dall’altro; poi trattandosi di affare tecnico, le operazioni di campagna, le visite e le corse dell’ingegnere saranno assai più frequenti che le comunicazioni di cui le due ’Commissioni amministratrici vorranno onorarlo, sicché ad ogni modo la perdita di tempo sarà maggiore nel primo caso che nel secondo, sarà maggiore nelle mosse dell’ingegnere che in quelle delle comunicazioni.

A parer mio dunque gli estremi offrono tre scapiti, il mezzo, un vantaggio, e quasi intiero.

Per questo mi permetto di proporre, subordinatamente, per luogo di *ntralità tecnica il mezzo, e quindi la città di Verona.

Io sono stabilito nella città di Verona da ben 23 anni. Là 6ono vicino alle poche cose mie, ai miei, tra molti amici che stimo ed amo assai; ma di due cose prego la Commissione!

di non aver a questo nessun riguardo,

di credere che nulla di tutto questo ebbe influenza nel parere che espongo.

Da che accettai l’incarico che tanto mi onora, che mi è tanto grato, io non ho che un pensiero, io non miro che ad uno scopo. Il meglio della cosa e V utile della società. Potrò ingannarmi ora od in seguito, ma nulla più.

Supplico che me lo si creda intanto, perchè spere che mi sarà dato di provarlo.

Rinnovo all’ iutiera Commissione le mie più sincere proteste di stima e rispetto.

Firmato MILANI.

Allegato OO.

Pregiatissimo amico.

Verona, a gennajo i838.’

Neil’ ultimo rapporto N. 47, 29 dicembre, della sezione lombarda, vi ho veduto non solo la penna vostra, ma vi ho anche letto, e chiaramente, il pensier vostro; dirò meglio, un lagno vostro. Me ne dolse, e me ne duole, perchè io amo che gli amici miei mi dir cano i loro lagni verso di me, in viso, e non altrimenti, perchè il vostro lagno non è giusto.

Nel mese scorso io non ho rimesso alla sezione lombarda che tre soli rapporti. Col primo accompagnai la contabilità, il secondo domandava come doveva contenermi cogli ingegneri pratici circa alle indennizzazioni d’ accordar loro per le spese di campagna e di viaggio, e per le fatiche utilmente sostenute; il terzo rendeva conto di una disposizione da me data per frenare l’ ingordigia di qualche proprietario danneggiato.

Nessuno di que’ tre rapporti chiedeva adunque che mi si approvasse la scelta degli ingegneri, perchè su questo credeva di starmene sull’ autorizzazione fin da prima accordatami dalla intiera Direzione, cioè di prendere quanto e quello mi paresse utile al meglio dell’ opera. Google