Pagina:Milani - Risposta a Cattaneo, 1841.djvu/260

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


cxviii

VI.

S’ intenderà che le cose superiormente esposte e convenute tra la Direzione e F ingegnere in capo non alterino minimamente il valore e gli effetti dei preliminari 14 agosto 1837 e del contratto 18 gennajo 1838, che si dovranno considerare in pieno vigore così e come, quanto fu superiormente convenuto, non esistesse.

18.° Ove queste condizioni in tutto od in parte non piacessero alla Direzione per qualsiasi motivo, la prego a volermelo dichiarare in iscritto nel termine di due settimane, dalla data del presente foglio, ed allora senza più s’ intenderà:

che io persevero nella risoluzione già presa e già comunicata alla Direzione coi miei fogli del 31 luglio 1840 ed 8 agosto 1840, e vi persevero dichiarando di nuovo:

che a termini del mio contratto 18 gennajo 1838 i di cui effetti sono ora, per fatto altrui, e me dissenziente, sospesi, e possono essere in seguito violati per la proposta del sig. Castelli, consentita dalla Direzione ed accettata dalla pluralità degli azionisti, che a termini del mio contratto, replico, io sono intanto impedito di prestare, e perciò non presterò la mia opera finché non sia dalla Commissione deciso che per la strada di ferro da Venezia a Milano si eseguirà il progetto compilato dame, e già onorato della Sovrana approvazione.

Che se invece verrà opinato dalla Commissione, e risolto dalla società che il mio progetto della strada di ferro da Venezia a Milano Sovranamente approvato si muti in un altro qualunque, allora un tale impedimento cambiandosi in una vera e definitiva violazione del contratto mio, dovrò lasciare definitivamente quella direzione suprema, che mi sarà stata in tal modo, in onta ai patti convenuti, sottratta.

Riserbandomi sempre in tutti e due i casi superiormente esposti il diritto accordatomi dalla legge civile e dal patto, di pienamente conseguire i miei corrispettivi contrattuali, cosi e come conseguiti li avrei se non mi fosse stato dall’arbitrio dell’altra parte contraente impedita F esecuzione del contratto, e di esperire ogni altra mia azione e ragione, il tutto come è detto nel mio foglio 8 agosto 1840, al quale mi riferisco come se fosse qui trascritto per disteso.

Sono con distinta stima e rispetto.

Firmalo MILANI.

Allegato LL a.

N. 296-332.

La Direzione delt I. R privilegiata strada ferdinandea lombardo-veneta. - Sezione veneta - Sezione lombarda.

AW egregio sig. Giovarmi Milani ingegnere.

Verona.

La Direzione, col darle colla propria lettera 20*23 ottobre una prova novella dell’ alta stima che le professa, e del desiderio che nutriva vivissimo di vederla riassumere le importanti di lei funzioni di ingegnere in capo dell’ I. R. strada ferdinandea lombardo-veneta Google