Pagina:Misteri di polizia - Niceforo, 1890.djvu/94

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

81


Intanto, il 2 aprile, il presidente del Buon Governo dirigeva ai governatori di Pisa e di Livorno la seguente nota riservatissima, dalla quale si rileva come l’ospitalità che il granduca Ferdinando accordava al genero non fosse che una prigionia appena larvata dalla ossequiosità dei modi e del linguaggio dei funzionari dello Stato.

“È arrivato a Firenze S. A. Serenissima il principe di Carignano. Ha alloggiato da Schneiderff ed ha preso subito un visto al dipartimento sotto il nome di conte di Barges. Insieme ad esso ha preso il visto alla stessa direzione il suo scudiero marchese Costa.

“Debbo, di commissione superiore, prevenire segretamente V. E., che, non essendo affatto impossibile che le solite seduzioni si adoperino per indurre questo principe a partirsene di Toscana senza prima combinare dei regolari concerti, questa sua partenza non combinata vorrebbe impedirsi. Ciò dico per Lei unicamente e per sola norma delle direzioni che crederà fare per assicurare che ciò non segua; l'oggetto della misura deve essere ad ogni altro ignoto. A mesto effetto procurerà che nessuno possa uscire dalle porti senza d’un passaporto portante il visto del dipartimento estero, di V. E., o d'un governatore di città; ed ove si presentasse persona col passaporto di conte di Barges, che è già stato munito di questo visto, la persona deve essere, rinviata indietro riguardando il visto come di nessun valore. Le istruzioni in quest’ultima parte converrebbe darle colla massima cautela perchè il segreto non fosse penetrato. „

“Questa istruzione sarà data anche a Piombino; a Pietrasanta sarà bene trasmetterla subito con un espresso, bene inteso tacendo in questi luoghi il nome del principe. „

“Nello stesso giorno il cavaliere Puccini rendeva conto a S. E. don Neri delle disposizioni prese per impedire che Carlo Alberto uscisse dalla Toscana, la quale, come si vede, dal re Carlo Felice e dal principe di Metternich gli era stata scelta a prigione; e in un poscritto aggiungeva: „

“Stasera mi verrebbe riferito che il principe si prepari alla partenza. „

“Ma la notizia, per quanto soffiata all’orecchio d’un pre-