Pagina:Naunia descritta viaggiatore.djvu/86

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

stenere che noi parliamo il linguaggio de’ Celti, de’ Cenomani, de’ Galli antichi, chè Dio me ne guardi! ma il dico perchè quello che noi abbiamo di francese è puro francese moderno, e allorchè dico moderno intendo parlare di quel linguaggio figlio del latino, che si andò formando nelle Gallie dopo che vi si stabilirono i Franchi. I Franchi o Francesi ebbero de’ fatti d’armi contro i Longobardi nel Trentino. Meta longobardica, Mezzolombardo, era il confine. Una volta fra l’altre scesero i Francesi dalla Naunia per battersi coi Longobardi (in campo Rotaliano, che si crede essere Campiazzo, non lungi dalla Rocchetta): dunque da questi Francesi che nella Naunia fecero o ad intervalli o di seguito lunga dimora, presero i Nauni e la pronunzia ed i vocaboli che io dissi ed ora mostrerò essere francesi.

La più parte delle parole finisce in consonante, ed hanno perciò minor numero di sillabe che in italiano, anzi molte sono mo-