Pagina:Neera - Il libro di mio figlio.djvu/82

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
74 il libro di mio figlio


tremola sullo stelo. La sua forza gli viene dal numero. Il suo io non si afferma che moltiplicato per milioni.

È in quest’onda vivente che ne circonda che noi troveremo i nostri palpiti migliori, la migliore estrinsecazione delle nostre forze.

Tutto è stato esplorato, i cieli, gli abissi, la profondità del mare, la sommità delle vette.

Dovunque l’uomo ha portato la fiaccola del progresso; ha studiato tutto, ha migliorato tutto intorno a lui, fuorchè sè stesso.

I minerali hanno dato il loro nome a diverse età; e come si ebbe il secolo dell’oro, dell’argento, del rame e del ferro, questo nostro decimonono si è chiamato da sè il secolo della luce. Ma quando verrà il secolo dell’uomo?...