Pagina:Neera - L'amuleto.djvu/118

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

l'amuleto 113


E per quanto io cercassi alcuna cosa da aggiungere non trovai altro.

Sorgevano intanto i lievi rumori della sera, gli insetti che si ritiravano nelle loro tane, qualche cane che abbaiava in lontananza, qualche foglia che cadeva nella grevezza dell’ora quasi gemendo di avere resistito tutto il giorno invano. Nella casa, il lume portato a mano dall’Orsola vagolava di camera in camera presiedendo i preparativi per la notte.

— Mamma — gridò Alessio dalla soglia dove era stato fino allora a trastullarsi con Pietro — ho sonno.

— Vengo, amor mio.

— Non allontanatevi — disse Lui; e la sua voce era di chi abituato a comandare, prega a fatica.

— Ma è l’ora.

— No, non è l’ora.

— Guardate come è buio.

— È il temporale che si prepara.

— È vero. Che cielo minaccioso!

Restammo così qualche istante, incerti, quasi cercando una parola su-