Pagina:Neera - L'amuleto.djvu/12

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

l'amuleto 7


e di schiarimento; prova che il defunto ci teneva e che se avesse pensato a fare testamento, il misterioso manoscritto avrebbe avuto probabilmente una destinazione diversa che non quella di cadere sotto gli occhi del pubblico.

Ma ecco senz’altro le parole del generale. “Avevo vent’anni. Sotto le mura di Sebastopoli la vita andava con un treno d’inferno: guerra, gioco e vino. Ci si coricava senza sapere se al domani si avrebbe potuto fare lo stesso, incerti d’ogni ora, d’ogni minuto, avendo la morte sulla soglia e bivaccando nelle nostre tende con una spensieratezza fatalistica per cui qualcuno di noi perdeva in una notte metà della sua sostanza. Nessuno pensava all’avvenire. La punta delle nostre baionette, la bocca dei nostri cannoni, tutto era lì. Il mio capitano salutava sempre l’alba con queste parole: Buon