Pagina:Neera - L'amuleto.djvu/194

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

l'amuleto 189


gemettero le patetiche battute della canzone antica, ma ripresi subito:

— Occorre forse?

Una segreta involontaria espressione dovette trapelare dalla mia voce perchè Egli non diede alcuna importanza al suono di quelle tre parole e subito ne penetrò il significato di profonda tenerezza. Vidi allora il suo bel volto rischiararsi e l’anima sua venire a me fiduciosa ed intera. Era questo che Egli aveva sognato nelle prime aurore del suo affetto, prima, assai prima che l’oscuro mistero dei sensi lo acciecasse? Era a questo che Egli pensava la sera memorabile in cui mi aveva detto: “Non vi immaginate il bene che potrebbero fare le donne riconducendo la fede nel cuore degli scettici?„ E comprendeva anche questo — questo sopratutto — che solo da una ispirazione alta poteva nascere un amore come il mio? Io lo credo; altrimenti non avrebbe avuto il suo sguardo tanta serenità e tanta dolcezza.