Pagina:Neera - L'amuleto.djvu/196

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

l'amuleto 191


fitte ragne intorno alle aiuole, verrà la tristezza, verrà il mistero ad oscurare l’ombra degli alberi e verrà mai l’ala dei nostri spiriti a battere insieme su questo sentiero dove pur senza confessarlo ci amammo?

Egli mi si pose accanto, mi prese la mano. Io continuai tuttavia i miei pensieri e accarezzando cogli occhi i dolci rosai che nella brezza di marzo si preparavano alla rinascenza udii la sua voce profonda che mormorava:

— Dunque addio, Myriam. Ci rivedremo?

Gli strinsi la mano con un leggero indugio, senza voltare la testa, senza guardarlo, senza parlare; ma Egli ben comprese questa volta ciò che nascondeva di malinconico e di ardente il mio silenzio.

Fine.