Pagina:Neera - L'indomani.djvu/33

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 22 —


— E l’altro?

— L’altro è il farmacista, Toniolo: quello che mi diceva sempre:

prendi moglie, alla nostra età è ancora il meglio che si possa fare.

Il piacere di aver riveduto i suoi amici, di riprendere le antiche abitudini, coloriva il volto di Alberto e faceva luccicare i suoi occhi piccoli e buoni. Egli si fregava i ginocchi colle mani, guardando la coda della cavalla.

Marta si rimproverava di non partecipare a quella gioia, di provare invece una impressione di tristezza, quasi d’invidia. Le venne in mente sua madre, sua madre ch’ella aveva un poco dimenticata durante il viaggio, e che da piccina le diceva e da grande le ripeteva: «Marta sei troppo impressionabile, troppo esclusiva, senti troppo, pensi troppo. Ciò non conduce alla felicità.» Parole che ella aveva ritenute come un’aria da organetto e che ora le tornavano alla mente, ma più chiare, della chiarezza improvvisa di un lume che s’accende. Volendo vincersi, volendo uscire da quell’esclusivismo che, a detta di sua madre,