Pagina:Neera - L'indomani.djvu/46

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 35 —


salotto, passando accortamente una mano sulle sedie più in vista, e con atto cerimonioso invitò Marta a prender posto sul divano.

— Ecco mia moglie — disse Merelli andando incontro a una donnina nè bella, nè brutta, col petto liscio, e il ventre sporgente, un profilo da madonna invecchiata troppo presto.

La signora Merelli salutò, un po’ impacciata, inesperta, tenendosi per mano una marmocchietta che rosicchiava una crosta di pane.

— La famiglia è tutta qui? — chiese Alberto girando gli occhi.

— Questa e l’Adelina: smetti di mangiare, via! Battistino era là quando sei entrato, dietro il paravento, a farne delle sue; il piccino lo hai visto, nevvero? e tre. La Pina è a letto, un po’ indisposta, il quinto è in viaggio...

Dopo questa enumerazione il silenzio gravò, penoso, per cinque minuti.

— Si annoierà in campagna — disse la signora Merelli, con una voce stanca — se è abituata alla città...