Pagina:Neera - L'indomani.djvu/52

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 41 —


Dopo un po’ di silenzio si arrischiò a domandare:

— E gli altri?

— Meno; tuttavia è una gran brutta parte che il Signore ha dato a noi donne. Gli uomini hanno tutto di buono, essi!

Quante domande sulle labbra di Marta! Quella donna maritata da dieci anni avrebbe potuto scioglierle una quantità di problemi, ma non osò. Diede timidamente un’occhiata all’esercito degli stivali e a quella casacca baldanzosa, meditando le parole: hanno tutto di buono essi! E le parve di sentire l’eco di risate rumorose, di passi pesanti, di parole alte e brutali, tutto un egoismo scettico di padroni e di conquistatori.

Di ritorno nel salotto provò un’impressione di sollievo vedendo Alberto.

— Partiamo? — gli disse.

Egli rispose gentilmente: — Come vuoi.

Nell’andito sbucò fuori la Ninetta, complimentosa, aggiungendo i propri saluti a quelli che i suoi padroni andavano facendo agli sposi.