Pagina:Neera - L'indomani.djvu/55

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 44 —


occhi birichini, e fatta una scappellata alla signora, e detto che s’era fermato apposta per augurarle il buon pranzo, se ne andò, lento lento, col corpaccione male assettato nell’abito nero, coi calzoni color lumaca troppo corti, il cappello a tuba posto in bilico sopra l’orecchio.

Marta si spogliò in fretta; doveva preparare una salsa di cui ella sola conosceva la ricetta e che, nel suo ardore di neofita, giudicava più accetta ad Alberto, se fatta da lei.

Comparve a tavola tutta rossa, impaziente di conoscere l’esito. Quando Alberto ebbe dichiarato che la salsa era gustosa, allora si calmò; mangiò e bevve di buonissimo umore; fece l’enumerazione dei piatti che preferiva, combinandoli con quelli preferiti da Alberto, vedendo con soddisfazione che si incontravano nel gusto.

— E, dimmi — esclamò improvvisamente — che cosa intendeva il dottore con le sue allusioni alla serva dei Merelli?

Alberto era l’uomo meno adatto del mondo a nascondere checchessia; rispose, un po’ imbarazzato, che il dottore scherzava volentieri.