Pagina:Neera - L'indomani.djvu/58

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 47 —


— E perchè impossibile? — dopo dieci anni di matrimonio...

— Alberto, che cosa dici? L’amore fra marito e moglie non deve essere eterno?

— Cara mia, se tutte le cose che dovrebbero essere, fossero!

— Tu dunque fra dieci anni non mi amerai più? E amoreggerai?...

L’Appollonia tornò a passare nella mente di Marta portandovi un raggio così giulivo che, nel bel mezzo della sua indignazione, dovette sorridere; di che accorgendosi Alberto, disse:

— Ma sì, farò all’amore coll’Appollonia.

Ella rideva, adesso; avendo posata la fronte sulla spalla di suo marito, eccitata da un ordine nuovo di idee che le si erano parate dinanzi.

— Però, senti, non capisco come una persona educata, un uomo che ha studiato, infine che non è un villano del tutto, possa perdersi con le serve.

— Anche un uomo educato non trova sempre delle duchesse, mia cara Marta, e poi, se ti dico