Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/141

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Un ideale. 131

brillantate faccette scintillavano come sguardi maliziosi di pupille nere.

— Anche tu non mi comprendi!

— C’è almeno qualcuno che abbia avuto questa fortuna o mia graziosa sfinge?

— Vuoi alludere a quel giovane che il tuo spiritello famigliare ha veduto in mia compagnia?... Ebbene, non lo nego, quello è un giovane simpaticissimo, colto, artista, letterato... un po’ di tutto.

— Una biblioteca circolante.

— Oh! se lo conoscessi! Egli mi apprezza immensamente, riconosce la mia sensibilità, divide i miei gusti poetici; ora sta spiegandomi i passi difficili dell’Aminta e del Pastor fido; è un lavoro un po’ lungo.

— Eh! lo credo, perchè i passi difficili abbondano in queste due novelle, ma se io fossi in te non vorrei farmeli spiegare di notte, sul bastione... Anzichè facilitare i passi, questo sistema può crearti degli imbrogli.

— È stato un capriccio! ma spero bene che non penserai...

Carolina si fermò imbarazzata.

— Io vorrei poter non pensare nulla; sarebbe il meglio.

— Dubiti forse della mia onestà?

— Io non dubito di nessuno; so appena che il mondo ciarla e che non bisogna lasciarlo sbizzarrire troppo in supposizioni. Sono false, tu dici. Che monta? Non c’è a fianco la traduzione come nelle opere greche per la comodità dei confronti, e il pubblico cre-