Pagina:Negri - Orazioni, Treves, Milano, 1918.djvu/133

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Roberto Sarfatti e i divini fanciulli 127


quelle grige cortine d’acqua il fanciullo sapeva l’implacabile monotonia delle strade rettilinee, lungo le quali ogni casa è numerata, ogni tram segue la propria rotaia, ogni uomo calca le meschine e sempre uguali tracce del proprio dovere quotidiano.

E una volta egli fissò i ben cigliati occhi grigioverdini in quelli della giovine madre, che, dopo la lunga lettura, deponeva il libro in grembo; e disse, assorto, come parlando a sè stesso:

— Allora sì che valeva la pena di venire al mondo!... Allora non si andava a scuola e si andava a combattere. Ma adesso!... Cos’è la vita adesso?... Nient’altro che una passeggiata noiosa per strade troppo comode.

Una pausa di silenzio seguì. La