Pagina:Nicolò Toneatti - Guida del viaggiatore per la città e per li dintorni di Trento, 1837.djvu/64

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
62


romana architettura, del quale presentemente non esiste traccia alcuna, e precisamente sito sul vicino Verruca, ora Dos Trento, colle di perfetta figura circolare, e tagliato a picco sia da natura, cioè dall’Adige, che percorresse presso tal monte, sia dall’arte per ridurlo allo stato di una fortezza. In Dos Trento si gode una bella vista della città, e di parte della pianura Trentina a sud detta Stella, e Lidorno.

Passato il villaggio di Piedicastello, e dirigendosi per un’angusta via dietro a Dos Trento ritrovasi una via scoscesa per la quale si va al comune di Sardagna, dove presso la vecchia chiesa parrocchiale vedi a discendere quel torrente che forma la cascata d’acqua, che osservasti percorrendo il pubblico passeggio, e parte del territorio trentino: anche pria, non volendo salire tant’alto, si presenta nel luogo detto Mirabello una delle più amene viste, che posseggano i dintorni di Trento, osservando la città di sud a nord coi villaggi, che la circondano. Continuando la via dietro Dos Trento vedi il colle di S. Giorgio e poi giugni ad un bivio: