Pagina:Notizie sulla Guerra della Indipendenza d'Italia (Monitore Toscano).djvu/146

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

146

diera francese sulle frontiere della Romagna, il governo austriaco ad osservare strettamente la neutralità negli stati del Papa;

3° Di guarentire gli abitanti contro un ritorno offensivo dell’Austria, e di permettere loro di far erompere senza ostacolo l’espressione della loro simpatia per la causa della indipendenza italiana e della loro riconoscenza per le benevole intenzioni del governo di Vostra Maestà.

La missione militare del 5° corpo era:

1° D’impedire ad un corpo austriaco di fare una punta sulla Toscana, e di privare il nemico delle preziose risorse dell’Italia centrale;

2° Di minacciare il fianco sinistro dell’esercito austriaco compromettendo le sue linee di ritirata e affrettare il suo abbandono di Parma e Modena sin dalla prima vittoria dell’esercito alleato.

Questi diversi fini furono ottenuti felicemente e senza colpo ferire colla sola presenza a Livorno, a Firenze, agli sbocchi degli Appennini, delle truppe del 5° corpo.

1° Dal punto di vista politico:

La Toscana, ha goduto della massima tranquillità senza che la sua libertà fosse turbata. Sotto la protezione della bandiera francese l’esercito toscano, scomposto dopo il 27 aprile, ha potuto ricomporsi abbastanza presto perchè