Pagina:Opere di Mario Rapisardi 5.djvu/179

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Libro quarto, Ode VII. 179


La Grazia con le Ninfe e con l’altre sorelle si attenta
                Guidar le danze ignuda.
Non sperar cose eterne, l’anno e l’ora ne avvisa che porta
                8Rapida il dì fecondo.

Tempra Zefiro i freddi; peritura l’estate conculca
                La primavera, come
Il pomifero autunno disperde le biade, e la bruma
                12Inerte ecco ritorna.

Pure a’ danni del cielo dan ristoro le celeri lune;
                Noi, se colà cadiamo
Dove già il padre Enea, dove Tullo ricchissimo ed Anco,
                16Polvere siamo ed ombra.

Chi sa, se all’odierna somma i Numi sovrani vorranno
                Aggiungere il domani?
Fugge l’avide mani dell’erede quel tanto c’hai dato
                20Dell’animo a’ piaceri.

Quando una volta sii tramontato, e il giudizio solenne
                Minosse abbia a te fatto,
Non rifarà i tuoi danni l’alta stirpe, la lingua faconda,
                24Nè la pietà, o Torquato: