Pagina:Opere di Mario Rapisardi 5.djvu/82

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
82 Le Odi di Orazio


Più spesso a’ venti s’agita l’immenso
    Pino; s’atterran con maggior ruina
    Le torri eccelse; il fulmine i più alti
            12Monti ferisce.

Spera tra’ casi avversi, in tra’ secondi
    Teme contraria sorte un ben munito
    Petto. Gl’inverni procellosi Giove
            16Adduce, ed esso

Li scaccia. S’ora è mal, non fu, nè fia
    Sempre cosi. Le Muse, assai già mute,
    Suscita con la cetra: ognora l’arco
            20Non tende Apollo.

Tu nelle angustie coraggioso e forte
    Móstrati; al vento favorevol troppo
    Ammàina tu stesso accortamente
            24Le gonfie vele.