Pagina:Opere di Mario Rapisardi 5.djvu/98

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
98 Le Odi di Orazio


Le pervicaci Tíadi m’è lecito
    Cantare e il fonte del vino e gli uberi
        Rii di latte, e da’ cavi tronchi
        12Celebrar gli scorrevoli mieli.

Lecito e il serto dir della conjuge
    Beata, or fatta stella, e di Pènteo
        I tetti dal fondo travolti
        16E l’esizio del tracio Licurgo.

Tu pieghi i fiumi, tu il mare barbaro,
    Tu fra secreti gioghi in vipereo
        Nodo, senza fraude, costringi
        20Vinolento a’ Bistónidi i crini.

Tu, quando i regni del Padre l’empia
    Gigantea schiera scalava all’aere,
        Ricacciasti Reto con unghie
        24Leonine ed orrenda mascella:

Benchè più a danze fatto diceanti
    E a motti e a giochi, nè molto idoneo
        A vita pugnace; ma quale
        28Nella pace anche in guerra apparisti.