Pagina:Opere scelte di Ugo Foscolo II.djvu/52

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

51

poesia lirica, e d’un autore che, non so se per virtù o per vizio, transvolat in medio posita, ed afferrando le idee cardinali, lascia a’ lettori la compiacenza e la noia di desumere le intermedie. Ma chi traintende le parole che hanno significato certo in sè stesse, come mai potrà cogliere le transizioni formale da tenuissime modificazioni di lingua e da particelle che acquistano senso e vita diversa secondo gli accidenti, il tempo, il luogo in cui son collocate? Nè ella dannerebbe la disparità di colorito nel poema, s’ella potesse discernere le mezze tinte che guidano riposatamente da un principio affettuoso ad una fine veemente. Però l’estratto ch’ella ne fa non è, nè poteva essere esatto. Piacciale dunque di leggerlo com’io lo darò, acciocch’ella possa conoscere, se non altro, lo scheletro d’un componimento reputalo non indegno delle sue censure.

L’estratto mostrerà come questo componimento, spogliato che sia delle immagini dello stile e degli affetti, rimanga senza un’unica idea nuova. Ma il numero delle idee è determinato; la loro combinazione è infinita: e chi meglio combina meglio scrive. Ricchissima sorgente di combinazioni era a’ poeti greci e latini l’applicazione delle storie e delle favole alla