Pagina:Opere scelte di Ugo Foscolo II.djvu/64

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DEI SEPOLCRI


carme


A IPPOLITO PINDEMONTE




Deorum. manium. iura. sancta. sunto.

XII TAB.


 
All’ombra de’ cipressi e dentro l’urne
Confortate di pianto è forse il sonno
Della morte men duro? Ove più il Sole
Per me alla terra non fecondi questa
5Bella d’erbe famiglia e d’animali,
E quando vaghe di lusinghe innanzi
A me non danzeran l’ore future,
Nè da te, dolce amico, udrò più il verso
E la mesta armonia che lo governa,
10Nè più nel cor mi parlerà lo spirto
Delle vergini Muse e dell’Amore,
Unico spirto a mia vita raminga,
Qual fia ristoro a’ dì perduti un sasso
Che distingua le mie dalle infinite