Pagina:Opere varie (Manzoni).djvu/73

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto quarto. 67

                       ansberga.
                                         O Donna
Del ciel, soccorri a questa afflitta!

                     prima suora.
                                             Oh! vedi:
Torna la pace su quel volto; il core
Sotto la man più non trabalza.

                       ansberga.
                                           O suora!
Ermengarda! Ermengarda!

                       ermengarda.
                        (riavendosi)
                                   Oh! Chi mi chiama?

                       ansberga.
Guardami; io sono Ansberga: a te d’intorno
Stan le donzelle tue, le suore pie,
Che per la pace tua pregano.

                       ermengarda.
                                   Il cielo
Vi benedica. - Ah! sì: questi son volti
Di pace e d’amistà. - Da un tristo sogno
Io mi risveglio.

                       ansberga.
                      Misera! travaglio
Più che ristoro ti recò sì torba
Quiete.

                       ermengarda.
                È ver: tutta la lena è spenta.
Reggimi, o cara; e voi, cortesi, al fido
Mio letticciol traetemi: l’estrema
Fatica è questa che vi do; ma tutte
Son contate lassù. - Moriamo in pace.
Parlatemi di Dio: sento ch’Ei giunge.